L'Invasione dei Nanobot: l'intelligenza non-biologica si fonderà con il nostro cervello biologico (Video)

Nanobot medicali connetteranno il nostro cervello al Cloud Computing

Il progetto Corpo Umano versione 2.0 vede nientemeno che il noto transumanista Ray Kurzweil come il suo principale fautore. Gli obiettivi sono stati da lui apertamente dichiarati da tempo:

Nei prossimi decenni, un miglioramento radicale dei sistemi fisici e mentali del nostro corpo, già in corso, userà nanobot per aumentare ed infine sostituire i nostri organi. Sappiamo già come prevenire le malattie degenerative attraverso la nutrizione e la supplementazione, questo sarà un ponte verso la rivoluzione biotecnologica emergente, che a sua volta sarà un ponte verso la rivoluzione delle nanotecnologie. Entro il 2030, il reverse-engineering del cervello umano sarà stato completato e l'intelligenza non-biologica si fonderà con il nostro cervello biologico.



In realtà, il reverse engineering del cervello umano è già stato annunciato come a buon punto grazie ai nuovi microchip ed ai loro software di accompagnamento e, mentre il pieno ricablaggio del cervello ad opera di nanobot non è previsto prima del 2020, Phys.org ha riferito che "il nostro DNA è già stato preso di mira con successo da nanobot", per la terapia farmacologica o la sua distruzione."

Prendendo questo evento come un ulteriore passo avanti, Ray Kurzweil ha detto, in una nuova intervista con The Wall Street Journal, che la nostra estensione in regni non biologici includerà i computer nanobot che permetteranno al nostro cervello di connettersi al cloud computing.

Dalla fantascienza horror, direttamente al corpo umano, i nanobot non sono più mera speculazione. Inoltre, a differenza della fantascienza, non arriveranno in via immediata per l’acquisizione di tutto il mondo - sono già qui, e saranno introdotti gradualmente, come Kurzweil ha precedentemente affermato:

Saranno processi incrementali, uno dei quali è già a buon punto. Anche se la versione 2.0 è un grande progetto, che si traduce nel miglioramento radicale di tutti i nostri sistemi fisici e mentali, noi realizziamo un passo benigno alla volta. Sulla base delle nostre conoscenze attuali, possiamo già toccare con mano i mezzi per realizzare ogni aspetto di questa visione.



Guarda i video in fondo alla pagina
Ricercatori della Columbia University hanno sviluppato una flotta di nanorobot molecolari in grado di fornire farmaci a cellule specifiche e anche identificare alcuni marcatori genetici mediantemarcatura fluorescente. Dopo tale identificazione, una reazione a catena può essere avviata:

Sulle cellule in cui sono attaccati i tre componenti, un robot è funzionale a una quarta componente ed avvia una reazione a catena tra i filamenti di DNA. Ogni componente scambia un filamento di DNA con un altro, fino alla fine dello swap, quando l'ultimo anticorpo ottiene un filamento di DNA che è fluorescente. Alla fine della catena di reazione, che richiede meno di 15 minuti in un campione di cellule umane di sangue, solo le tre proteine ​​di superficie sono etichettate con il marcatore fluorescente.

Naturalmente, questo tipo di approccio di terapeutica mirata potrebbe rivelarsi utile, come i ricercatori evidenziano, in particolare per il trattamento del cancro che travolge le cellule sane insieme a quelle maligne, potrebbe però fare molto spesso più male che bene. Questo aspetto riguarderà il modo in cui queste tecnologie verranno vendute al pubblico e sarebbe ingenuo non considerare le applicazioni più inquietanti legati a tali tecnologie. La modifica diretta del cervello è già stata definita come "neuroingegneria". Un articolo di Wired dall'inizio del 2009 ha evidenziato che la manipolazione del cervello diretta tramite fibra ottica è un po’ disordinata, ma una volta installata "potrebbe rendere felice qualcuno con la semplice pressione di un tasto." I Nanobot potrebbero prendere il processo ad un livello automatico e ricablare il cervello molecola per molecola. Peggio ancora, questi mini droidi possono auto-replicarsi autonomamente, costringendo a chiedersi come questo genio (o demone? ndt) possa mai essere rimesso nella bottiglia, una volta scatenato .

Qui è uno scenario offerto da Kurzweil per come questi nanorobot potrebbero entrare nei nostri corpi:

Un vantaggio significativo della tecnologia nanobot è che, a differenza di semplici farmaci e integratori alimentari, i nanobot hanno una misura di intelligenza. Essi possono tenere traccia delle proprie scorte e scivolare intelligentemente dentro e fuori dei nostri corpi. Uno degli scenari prevede che si dovrebbe indossare una speciale "veste con funzioni di sostanza nutritiva", come una cintura o una specie di canottiera. Questo indumento potrebbe essere caricato con nanobot sistemati sopra cuscinetti nutrienti, il che renderebbe agile la loro strada dentro e fuori del nostro corpo attraverso la pelle od altre cavità del corpo.

Questo aspetto potrebbe sembrare di offrire un livello di scelta partecipativa -indossare o non indossare l'indumento- ma Kurzweil rivela che i nanobot sapranno eventualmente essere dappertutto: in definitiva non avremo bisogno di preoccuparsi di indossare indumenti speciali o risorse alimentari esplicite. Proprio come il calcolo che sarà eventualmente onnipresente e disponibile ovunque, così anche le risorse di base metaboliche per i nanobot saranno incorporate ovunque nel nostro ambiente. In una recente intervista con il Wall Street Journal, Kurzweil mette in evidenza il motivo per cui Google ha manifestato un interesse nel campo delle nanotecnologie per le possibilità che vede per l'uomo in quanto i nanobot sono sempre più non-biologici e formano connessioni dirette con i computer, per aumentare e/o soppiantare i nostri processi naturali. Siccome ci dirigiamo nell'era di cyborg e oltre e, naturalmente, una volta che la nostra neocorteccia verrà così ricaricata, questo Cloud si posiziona perfettamente tramite Google per la ricerca di ogni nostro pensiero e pre-pensiero. Anche se questo potrebbe far pensare ad una quantità impossibile di informazioni da caricare, per non parlare di interconnessione e di ricerca, è stato annunciato che i ricercatori hanno già progettato il primo nanocomputer che può spingere oltre il concetto della Legge di Moore, che impone un limite teorico sulla espansione del calcolatore per potenza di elaborazione .

Il team ha progettato e assemblato, dal basso verso l'alto, un dispositivo ultrasottile del computer di controllo che è il più denso sistema di nanoelettronica mai costruito.

Un documento tecnico è stato pubblicato online negli Atti della National Academy of Sciences su questa ricerca. Il processore chiamato a controllo ultra-piccolo (ultra-low-power) è più piccolo di una cellula nervosa umana. [ ... ] Nella loro recente collaborazione hanno piazzato diverse piastrelle su un singolo chip per produrre un primo complesso nel suo genere, un nanocomputer programmabile. Non dovrebbe essere visto come una coincidenza che questi sviluppi stiano accadendo contemporaneamente. Quello che appare in superficie come scoperte in campi completamente diversi sono coalescenza rapida mentre ci avviciniamo alla data teorica dell’avvento della Singularity: la piena fusione di uomo e macchina, stimata di verificarsi tra il 2029 ed il 2045. Nonostante il linguaggio benigno dei futuristi, sappiamo che uno sforzo concertato è già in atto per gestire e prevedere il comportamento umano per tutta una serie di applicazioni potenzialmente anti-umane. Come il nostro libero arbitrio è anche mirato come le cellule del nostro corpo -per la terapia farmacologica o l'eliminazione- preoccupazioni etiche devono essere espresse forte e chiare. Gli scienziati sembrano contenti di aprire il vaso di Pandora, quindi preoccuparsi di conseguenze negative solo in seguito ... e questo è vero solo se si assume che le loro intenzioni siano benigne fin dall'inizio. Si dovrebbe prendere tempo per esaminare la storia della sperimentazione militare sulle popolazioni umane e vedere tutto questo attraverso una lente molto diversa. Per lo meno, invece della visione pienamente realizzata del corpo umano 2.0, questo potrebbe chiamarsi in realtà Big Pharma 2.0, una nuova fase in cui i farmaci convenzionali sono progressivamente sostituiti da nanomedicamenti e sistemi di consegna ad opera di una nano-flotta. Accoppiato con le applicazioni che entrano direttamente nel nostro cervello per collegarci alla matrice del computer, stiamo rapidamente entrando in un nuovo paradigma umano. Il finanziamento è già lì e una quantità enorme di denaro è in attesa di essere versata da aziende come Google. Anche in questo caso, per coloro che potrebbero vedere solo il lato positivo di questa tecnologia, dobbiamo mettere in discussione chi è veramente a controllare tutto ciò.

articolo di Nicholas West per Activity Post

fonte: freeskies.over-blog.com

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...